Itinerario turistico tra i monti del Sarcidano

by Francesca Cardia on

Partiamo da Cagliari percorrendo la Strada Statale 131, svoltiamo all’altezza del km 22 per Senorbì, proseguiamo sulla Strada Statale 128 per altri 67 chilometri sino al bivio per Nurri e, dopo 6 chilometri, giungiamo a Orroli. Vicino al lago del Flumendosa si staglia il nuraghe Arrùbiu, una fortezza di quasi tremila metri quadrati situata nei pressi del villaggio nuragico Su Putzu.

nuraghe-arrubiu-the-tipical-sardinian-prehistorical-buildings

Nuraghe Arrubiu

È un sito molto interessante, circondato da una natura ancora selvaggia. Dai monti si possono osservare i laghi del basso Flumendosa e del Mulargia. Nel paese di Orroli ci fermiamo per visitare l’interessante chiesa dedicata a San Nicola e l’ottocentesca “OmuAxiu”, la casa-museo Vargiu, che mostra uno spaccato della società contadina e delle tradizioni del Sarcidano.

Passando da Nurri, ritorniamo sulla Strada Statale 198 e svoltiamo per la Strada Statale 128, dirigendoci a Serri: qui è possibile visitare il maestoso complesso nuragico di Santa Vittoria, con il villaggio e il santuario che richiamava gli abitanti di tribù confinanti.

Isili è distante appena 7 chilometri. Nella periferia del paese troviamo il nuraghe Is Paras (XV secolo a.C.), uno dei più belli sinora scoperti. È stato costruito con rocce calcaree bianche e alcuni blocchi di calcare bruno e basalto nero, e questa caratteristica lo contraddistingue da tutti gli altri. Nel territorio si possono visitare numerose domus de janas e tombe dei giganti. Ma Isili è nota soprattutto per il Museo civico per l’arte del rame, dedicato alla principale attività artigianale del paese. La lavorazione del rame e la vendita dei pregevoli manufatti attirano ogni anno decine di migliaia di turisti.

laconi

Scorcio di Laconi

A circa 18 chilometri da Isili visitiamo Laconi, nel cui territorio troviamo il nuraghe di Genna ‘e Corte, una struttura complessa formata da una torre principale e altre cinque collegate da un muro di cinta. Nel sito fu scoperta la prima statua-menhir delle svariate decine rinvenute nel Sarcidano, oggi conservate nel Museo civile di Laconi. A Genna Arrele invece è possibile ammirare i menhir levigati ma privi di figure. Suggeriamo una passeggiata nel verde del Parco naturale Aymerich, dove è possibile visitare il castello medievale appartenuto alla nobile famiglia.

Written by: Francesca Cardia

Lascia un commento