I dolci caratteristici del carnevale sardo

by Francesca Cardia on

In Sardegna sono tanti i dolci caratteristici della festività del carnevale, tra i più conosciuti citiamo le meraviglie o “chiacchere”, le zeppole dette anche “zippulas” o “cattas”, i fatti fritti detti anche “para frittus” e gli acciuleddi noti anche come “mendegadas”,trizzas” o “origliettas”.

Santa Teresa di Gallura, situata sulla punta estrema del nord Sardegna, nella stretta insenatura naturale del Porto Longosardo, conserva ancora oggi le originarie caratteristiche di piccolo borgo di pescatori sorto a ridosso di una torre spagnola lì presente da più di quattro secoli.

Santa Teresa nacque nel 1808 per decisione di Vittorio Emanuele I di Savoia. Inizialmente parte del comune di Tempio, se ne staccò conquistando l’autonomia nel 1821.

La Sartiglia e altri appuntamenti nell’Oristanese

by Alessandro Alfonso on

La Sartiglia di Oristano è uno degli eventi folklorici più importanti e attesi della Sardegna. Decine di migliaia di visitatori, ogni anno, la domenica di Carnevale si ritrovano nel capoluogo per assistere alla festa importata intorno al 1200 dagli Aragonesi. Un’esibizione cavalleresca che un tempo era esclusiva per i rappresentanti delle famiglie più importanti di Oristano e che, col passare dei secoli, è diventata festa popolare nel suo significato più nobile.

Le miniere e gli altri gioielli del Sulcis Iglesiente

by Francesca Cardia on

Nel Sulcis-Iglesiente sono tante le opportunità per i visitatori: ambiente, archeologia, enogastronomia, siti del culto di ieri e di oggi. Però noi di Sardinia Exclusive vi suggeriamo una particolare attenzione alle miniere dismesse, che oltre ad essere una grande attrazione, possono essere considerate il motore del Parco Geominerario costituito anni fa con il parere favorevole dell’Unesco.

Baunei: tra montagne e mare

by Francesca Cardia on

Baunei è una cittadina prevalentemente di pastori di quasi 4.000 abitanti, situata sul versante orientale della Sardegna, all’estremità meridionale del Golfo di Orosei, lungo la SS 125, l’Orientale Sarda.

Al comune di Baunei appartiene il territorio più vasto dell’Ogliastra, e forse anche il meno antropizzato per chilometri, con un ambiente naturale perfettamente preservato.

Il paesaggio che Baunei offre, si distingue per la conformazione montuosa protesa verso il mare; la sua fascia costiera, estesa da S. Maria Navarrese e Cala Luna per ben 40 chilometri è costituita da una muraglia di imponenti bastioni e falesie calcaree che si gettano a picco sul mare e in cui si aprono piccole calette da sogno. 

Chiese e arte da Alghero a Castelsardo

by Katia Ruggeri on

Partiamo da Alghero, la più importante località della Nurra e una delle più note della Sardegna, anche in virtù dell’aeroporto di Fertilia che la collega a vari Paesi europei e agli scali della penisola. Nella cittadina catalana, sede vescovile sin dal 1503, visitiamo tutto il centro storico: palazzi, torri e bastioni sono di chiara matrice spagnola, così come chiese e luoghi di culto (non a caso, alcuni riti, a cominciare da quello della Settimana Santa, provengono dalla tradizione catalana).

I riti del fuoco benedetto: in Sardegna a Gennaio

by Katia Ruggeri on

Nel mese di gennaio, in quasi tutta la Sardegna si festeggiano, col rito del fuoco, Sant’Antonio Abate e San Sebastiano, sia per simboleggiare il passaggio dal buio alla luce, sia per salutare l’anno vecchio dando il benvenuto al nuovo.

Riti in cui si incontrano elementi tra il sacro ed il profano, pagani e religiosi cristiani che in Sardegna affondano la loro origine nell’antichità; riti del fuoco che purifica e consacra.

Sant’Antoni de su fogu

Sant’Antonio Abate, il Santo del Fuoco, considerato come il Prometeo sardo, cioé colui il quale, grazie ad un ramo di ferula, rubò dall’Inferno alcune scintille di fuoco, viene festeggiato in tutta l’isola tra il 16 e 17 Gennaio. La ricorrenza è una delle più antiche e radicate nella cultura sarda ed ancora oggi è molto sentita. Al centro delle celebrazioni vengono quindi accesi fuochi diversi sia per il tièpo di arbusti e legni che vengono fatti ardere, che per il nome con cui vengono chiamati nelle diverse zone della Sardegna.

sant-antonio-abate_orosei

Chiesa di Sant’Antonio Abate – Orosei

Nell’oristanese, i nomi sono “Sas Tuvas” o “Is Tuvas”, cataste di fuochi fatti di tronchi resi cavi dai fulmini, privati di rami e radici, riempiti di alloro che bruciando sprigiona profumi e scintille.

In Ogliastra e Baronia, come ad Orosei e Posada, i nomi sono “Sas Frascas”, “Sas Selemas”, dove a bruciare sono frasche, cespugli e legna di macchia mediterranea, come corbezzolo, lentischio, cisto che diffondono nell’aria aromi tipici isolani. Così come a Dorgali il nome del fuoco è “Su Romasinu”, in quanto a bruciare sono quasi esclusivamente rami e frasche di rosmarino.

Nella zona nuorese dove si accendono “Sos Focos” o “Sos O’os”, la raccolta della legna inizia alcuni giorni prima della festa: in certi paesi sono i fedeli a portare il legname nelle piazze dove si accenderanno i falò, mentre in altri centri, più di frequente, la raccolta avviene passando di casa in casa per realizzare le cataste di legna.

L’elemento comune in tutte queste varianti sta nel rituale della benedizione del fuoco che arderà tutta la notte dopo i riti liturgici, e nel fare alcuni giri intorno al fuoco, (di solito tre in un senso e tre nell’altro), per sciogliere dei voti, chiedere delle grazie o guarigioni. La festa prosegue con danze e canti intorno al fuoco, offrendo a tutti i presenti vini e dolci locali come ad esempio “is Pirichitos e is Cotzuleddas”; in qualche paese viene offerta anche “Sa Fava e Lardu”, gustoso piatto tipico con fave e lardo.

MINOLTA DIGITAL CAMERA

Desulo – Mamuthones

In Sardegna il Carnevale inizia proprio in questi giorni quando alcune delle maschere più caratteristiche e rappresentative sarde fanno la loro prima comparsa. A Mamoiada, i Mamuthones e Issohadores, e ad Ottana sos Boes, sos Merdùles e Sa Filonzana, compaiono per la prima volta e danzano intorno a “su fogu” per propiziare una buona annata.

Santu Srebastianu

Tra il 19 ed il 24 Gennaio si festeggia San Sebastiano, militare romano e martire per la fede cristiana, con riti pagani e cristiani; la ricorrenza è celebrata in tutta la Sardegna, e nella regione del campidano il rito del fuoco prende il nome di Su fogadoni o su fogaroni de Santu Srebastianu”.

La festa ha rituali molto simili a quelli di Sant’Antoni de su fogu, con la raccolta e la preparazione della legna da parte de “Is Carradoris”, che verrà arsa sul sagrato della chiesa, dando vita ancora una volta a grandi falò. La festa è arricchita dalla musica de “is launeddas” e dall’offerta ai partecipanti di formaggi, salumi e vino locali.

Nella notte tra il 19 e il 20 Gennaio tutta la comunità si incontra intorno al fuoco e si intrattiene, tra canti e balli, fino all’alba. Anticamente rientrando a casa, gli uomini e le donne del paese recuperavano dalla cenere ancora calda gli ultimi tizzoni, per conservarli come amuleti contro le malattie e i temporali.